Non si lascia nulla al caso e Pompei è uno dei veri obiettivi individuato dall’antiterrorismo in Campania. La presenza degli Scavi, del Santuario mariano, ma anche il semplice McDonald’s ed il centro commerciale La Cartiera possono essere visti dall’Isis come luoghi di aggregazione in cui potere agire, come del resto avvenuto a Parigi.

E si prendono le contromisure, così come descritto dall’edizione online de Il Mattino. Il locale commissariato, intanto, ha deciso di mettere più uomini in strada: si parla da 25 a 30 agenti “h24” per tenere d’occhio le zone maggiormente esposte e quelle in cui ci sono più persone. Pompei, inoltre, diventerà ancora più “delicato” con il Giubileo della Misericordia e particolarmente per il 13 dicembre quando si attendono decine di migliaia di pellegrini per l’apertura della Porta Santa.

Intanto domenica è stato bonificato il sito archeologico degli Scavi, un’operazione a cui seguiranno altre molto simili per evitare attacchi improvvisi che colpirebbero particolarmente i turisti stranieri, in gran numero proveniente proprio dall’Occidente. In queste ore, inoltre, gira l’ipotesi di installare dei metal detector all’ingresso del museo a cielo aperto.

pompei