La diffusione di un video in cui un bambino di soli sei anni incoraggiato a guidare uno scooter di grossa cilindrata su una strada pubblica ha scatenato una serie di reazioni indignate da parte degli utenti dei social media e dell’opinione pubblica. Nel video, il padre del bambino lo incita ad andare avanti da solo, mentre viene applaudito con frasi come “da solo, da solo”. La didascalia del video, “6 anni, già alla guida di un 350. Buon sangue non mente”, evidenzia l’incoscienza di un genitore che incoraggia il proprio figlio a compiere un gesto potenzialmente pericoloso.

L’episodio ha suscitato critiche e preoccupazioni da parte dei cittadini, che hanno segnalato il video al deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli. Borrelli ha condannato fermamente il comportamento del genitore, sottolineando che incoraggiare un bambino così giovane a guidare un veicolo su una strada pubblica rappresenta un grave rischio per la sua incolumità e una mancanza di rispetto delle regole.

Numerosi utenti dei social media hanno espresso la loro indignazione e preoccupazione per la sicurezza del bambino, sottolineando che un comportamento del genere non è da genitori responsabili. Alcuni hanno sottolineato la necessità che intervengano i servizi sociali per proteggere il benessere del bambino e garantire che situazioni simili non si ripetano in futuro.

Il video è segnalato alle forze dell’ordine insieme al nome del soggetto che lo ha pubblicato, al fine di intraprendere azioni legali appropriate. Si spera che questa segnalazione porti a misure concrete per garantire la sicurezza del bambino e prevenire comportamenti irresponsabili simili in futuro.