Prese a pugni un’infermiera al pronto soccorso: giudizio immediato per l’aggressore. Il gip del tribunale di Torre Annunziata Riccardo Sena ha accolto la richiesta avanzata dalla Procura oplontina (procuratore Nunzio Fragliasso, aggiunto Giovanni Cilenti, sostituto Ugo Spagna) ed ha emesso decreto di Giudizio immediato per Romeo Franco Ferraiuolo, 39enne di Castellammare di Stabia, e per la sorella 43enne. I due sono accusati a vario titolo di lesioni gravissime per aver aggredito due sorelle infermiere del pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia, aggressione avvenuta lo scorso 3 gennaio. Una delle infermiere riportò danni a cinque denti. Da allora, il 39enne è in carcere ed affronterà la prima udienza del processo da detenuto.

“Il Decreto di Giudizio immediato – afferma l’avvocato Adriano Cafiero, che assiste le due infermiere – era un provvedimento che ci aspettavamo a seguito della conferma avuta in sede di riesame in punto di gravità indiziaria ed esigenze cautelari a carico dell’indagato. Continuiamo a nutrire fiducia nell’operato della magistratura oplontina, tempestiva ed efficace nel dare immediata risposta ad una vicenda a dir poco incresciosa. Ora il processo definirà meglio le eventuali responsabilità, anche dell’altra co-indagata, rispetto all’aggressione subita dalle sorelle infermiere durante il turno di lavoro al Pronto Soccorso di Castellammare di Stabia”.