La Prefettura di Napoli ha emesso un provvedimento di interdittiva antimafia nei confronti di alcune ditte, incluso la “DG scavi srl”, recentemente inserita nella black list dal Prefetto Michele di Bari. Questa misura di prevenzione amministrativa impedisce all’azienda operante nel settore dell’edilizia, con sede legale a Castellammare di Stabia, di svolgere lavori per enti pubblici. La decisione è presa a seguito di segnalazioni riguardanti tentativi di infiltrazioni mafiose all’interno dell’azienda. La “DG scavi srl” è una delle imprese gestite da una nota famiglia imprenditoriale stabiese, titolare di diverse attività commerciali e industriali nell’area della provincia a sud di Napoli.

Il nome della famiglia imprenditoriale è emerso più volte nelle relazioni della commissione d’accesso, che nel 2022 ha decretato lo scioglimento del consiglio comunale di Castellammare di Stabia per infiltrazioni della criminalità organizzata, in relazione ai rapporti con l’ex sindaco Gaetano Cimmino.

Secondo quanto riportato nella relazione della commissione d’accesso, la “DG scavi srl” aveva rapporti con il Comune e aveva emesso fatture per un importo di circa 95.000 euro. Queste misure evidenziano l’impegno delle autorità locali nel contrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto imprenditoriale e pubblico della provincia di Napoli.