L’INPS ha annunciato una gradita sorpresa per coloro che hanno sostenuto spese di agenzia immobiliare durante l’acquisto della casa. Questo bonus, che può arrivare fino a 190 euro, sarà rimborsato ai beneficiari dell’Assegno di Inclusione (ADI) e sarà disponibile a partire dal 27 marzo, come comunicato dal portale dell’INPS.

Ma come funziona questo beneficio, a chi spetta e come si richiede?

A Chi Spetta il Bonus:
La detrazione fiscale del 19% sulle spese di agenzia immobiliare è prevista solo per l’acquirente dell’abitazione principale. Non spetta al venditore, anche se è quest’ultimo a pagare l’agenzia. Inoltre, la detrazione è concessa solo se l’acquirente trasferisce la residenza nella nuova casa entro 12 mesi dall’acquisto.

Come Richiederlo:
Per poter ottenere la detrazione, è necessario che la spesa sia stata effettuata tramite mezzi tracciabili, come bonifico, carta di credito o di debito, o assegno. Il beneficiario deve essere anche l’intestatario della fattura emessa dall’agenzia immobiliare e, contemporaneamente, il proprietario dell’immobile.

La documentazione necessaria per richiedere la detrazione include:

Certificazione sostitutiva dell’atto di notorietà dell’intermediatore immobiliare.
Fattura emessa dall’agenzia immobiliare con la relativa spesa.
Distinta di pagamento tramite mezzi tracciabili.
Come Richiederlo tramite la Dichiarazione dei Redditi:
Il bonus può essere richiesto compilando la dichiarazione dei redditi, sia tramite il modello 730 che il modello Redditi PF.

Nel modello 730/2024, la spesa va inserita nel Quadro E, sezione I, ai righi da E8 a E10, indicando il codice 17 nella colonna 1 e la spesa sostenuta fino al limite massimo di 1.000 euro nella colonna accanto.
Nel modello Redditi PF 2024, la spesa va inserita nel quadro RP, sezione I, ai righi da RP8 a RP13, indicando il codice 17 nella colonna 1 e la spesa sostenuta fino al limite massimo di 1.000 euro nella colonna accanto.