Al culmine di una lite familiare nella cittadina di Gioia Sannitica, situata nell’Alto-Casertano, si è verificato un atto di violenza estrema che ha lasciato la comunità sgomenta. Secondo quanto ricostruito, tre fratelli di 25, 24 e 19 anni sono rimasti coinvolti in un violento alterco, culminato con l’impiego di un coltello da parte di uno di loro. Nell’escalation della situazione, uno dei fratelli ha accoltellato il proprio consanguineo, causando ferite gravi, mentre un altro è rimasto ferito. Il terzo fratello, presunto autore del gesto, si è dato alla fuga nelle campagne circostanti, dando il via a una caccia all’uomo orchestrata dai carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese e del reparto operativo di Caserta.

Il fratello rimasto ferito è il primo a contattare le autorità, segnalando l’accaduto e chiedendo soccorso. Le indagini sono in corso per determinare le dinamiche esatte dell’incidente e per individuare il fuggitivo, sospettato di omicidio e tentato omicidio. Una tragedia che avviene a poche ore da quella di Avellino dove un padre ha prima ucciso la figlia disabile per poi togliersi la vita.