Le proteste per la riapertura del pronto soccorso presso l’ospedale di Boscotrecase continuano a guadagnare slancio, con il sostegno evidente del Partito Democratico (Pd) e dell’ex senatore Sandro Ruotolo. La manifestazione, nata in seguito alla morte tragica di una neonata nonostante l’arrivo presso la struttura ospedaliera, ha visto la partecipazione di cittadini determinati a far valere il diritto alla salute nel loro territorio.

La Partecipazione di Sandro Ruotolo:
L’ex senatore Sandro Ruotolo, attuale componente della segreteria nazionale del Pd, ha espresso il suo interesse e sostegno per la causa dei cittadini di Boscotrecase. In occasione di un gazebo promosso permanentemente davanti all’ospedale, Ruotolo ha infatti dichiarato che il pronto soccorso deve essere riaperto. Ha ribadito il principio fondamentale sancito dalla Costituzione, che garantisce quindi il diritto alla salute, un diritto che sembra essere venuto meno a Boscotrecase.

La Posizione del Pd:
Il Partito Democratico, sia a livello locale a Torre Annunziata che a livello nazionale, ha dichiarato il suo sostegno alla battaglia dei cittadini. La protesta è scaturita dalla mancanza di un pronto soccorso efficace nell’ospedale di Boscotrecase, portando a richieste chiare di riapertura e di assicurazione del diritto alla salute per tutti.

Disaccordo con De Luca:
La posizione del governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che suggerisce di utilizzare il pronto soccorso di Castellammare partendo da Torre Annunziata e comuni limitrofi, è in netto disaccordo con il Pd. Sandro Ruotolo ha assicurato il sostegno agli esponenti dei movimenti civici che promuovono la protesta, dichiarando che si batteranno per riaprire il pronto soccorso e garantire il diritto alla salute per tutti i cittadini di Boscotrecase.