Il “Corso di qualificazione professionale per giardiniere d’arte per giardini e parchi storici”, promosso nel suggestivo contesto del Parco Archeologico di Pompei, offre un’opportunità di formazione specializzata nel campo della botanica, dell’agronomia, del paesaggio, dell’archeologia, del restauro e delle tecniche di gestione e sicurezza applicate a giardini storici. L’iniziativa, finanziata dalla Regione Campania e organizzata dall’ente di formazione Bridge in collaborazione con diverse realtà, mira a selezionare 20 partecipanti e 8 uditori attraverso un bando-programma aperto fino alle ore 18 del 27 dicembre. Il percorso formativo, che avrà inizio a gennaio, prevede una vasta gamma di attività: 150 ore di lezioni teoriche presso le sedi di Pompei e Napoli, 150 ore di formazione online, 120 ore di laboratorio e 180 ore di stage presso il Parco archeologico di Pompei e altre aziende del territorio.

L’importanza di questo corso risiede nella necessità di formare figure professionali specializzate in grado di preservare, ripristinare e valorizzare giardini e parchi storici, sfruttando conoscenze specifiche in botanica, restauro, gestione paesaggistica e pratiche colturali. Il coinvolgimento di diverse aziende e la collaborazione con la Società Ream, specializzata nella manutenzione del verde, e “Il Tulipano soc coop sociale”, già attiva nell’ambito dell’agricoltura sociale, arricchisce il percorso formativo, aprendo nuove prospettive di intervento e di inclusione sociale.

Il Parco archeologico di Pompei, impegnato da tempo nella gestione e valorizzazione del verde all’interno delle aree archeologiche, ha intrapreso progetti volti alla ricostruzione storica dei giardini delle domus, utilizzando il vivaio del Parco come laboratorio di studio agricolo per la coltivazione di piante “antiche”.