Agenti della Polizia di Stato hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di un detenuto, ritenuto gravemente indiziato di atti persecutori aggravati dal metodo mafioso ai danni della moglie. Le indagini sono avviate l’8 settembre 2021, quando la donna ha denunciato una serie di persecuzioni consumate dal consorte nonostante questi fosse detenuto.

Nel corso delle indagini è emerso che l’uomo, sfruttando la sua posizione di affiliato al clan Mazzarella, si è avvalso della capacità d’intimidazione di quel sodalizio per realizzare numerose vessazioni contro la consorte. I suoi intenti sono realizzati grazie ad alcune persone che hanno garantito il monitoraggio costante della vittima, costretta ad abbandonare la sua abitazione nel quartiere San Giovanni a Teduccio, controllato dal clan Mazzarella, per trasferirsi in diverse località segrete, reperite grazie all’assistenza offerta dall’associazione Libera.

Nel corso delle indagini è rilevato l’effettivo pericolo per la vittima e sono assicurate misure di vigilanza nei luoghi frequentati dalla stessa e dai suoi parenti più prossimi, con cui l’uomo ha cercato di mettersi in contatto per arrivare alla moglie. La Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli aveva già inoltrato richiesta di applicazione di misura cautelare in carcere per l’uomo ed altre persone. L’istanza era rigettata. In seguito ad appello proposto dalla Procura, il Tribunale del Riesame ha emesso l’ordinanza cautelare.