“Avvieremo da subito, in collaborazione con Arpac e forze dell’ordine, un accurato monitoraggio del territorio con controlli a tappeto nelle industrie, nelle civili abitazioni per gli scarichi fognari abusivi e campionamenti periodici delle acque dei canali del fiume Sarno. Non faremo sconti a nessuno. Chi inquina, sarà punito”. Così la vice sindaco del Comune di Scafati Teresa Formisano a margine dell’incontro sugli sversamenti abusivi nei canali del fiume Sarno tenutosi questa mattina a Palazzo Mayer.

La vice del sindaco Pasquale Aliberti si è confrontata con la dirigente del dipartimento provinciale Arpac Salerno, Caterina Scarpa. Presenti, tra gli altri, anche gli assessori Diego Chirico e Antonella Di Palma. “Abbiamo ribadito ai funzionari dell’Arpac – ha detto Formisano – la necessità di avviare un’azione condivisa, forte ed incisiva, per contrastare il fenomeno degli sversamenti abusivi nel fiume Sarno, il cui impatto ambientale è davvero devastante. Abbiamo l’obbligo di tutelare la nostra comunità salvaguardando il diritto alla salute dei cittadini di Scafati. Per questo non c’è tempo da perdere. Abbiamo chiesto ai funzionari dell’Arpac, che ringrazio per la disponibilità e la collaborazione, di attivare una serie di controlli congiunti su tutto il territorio, avvalendoci anche del supporto delle forze dell’ordine.

L’obiettivo è stanare il fenomeno degli scarichi illegali, individuando i delinquenti che sversano, inquinando e deturpando il nostro patrimonio ambientale. Procederemo per step, attraverso un monitoraggio costante del territorio, controlli a tappeto non solo nelle industrie ma anche nelle civili abitazioni per scovare eventuali scarichi fognari abusivi e campionamenti periodici delle acque dei canali, partendo dal Controfosso destro. Abbiamo ovviamente bisogno della collaborazione di tutti. Ai cittadini scafatesi chie-diamo il massimo impegno affinché possano segnalarci eventuali sversamenti. In ballo c’è la salute di tutti”.