È morta la bimba calabrese di 5 anni, positiva al Covid, che era trasferita dall’ospedale Annunziata di Cosenza all’ospedale Bambino Gesù di Roma con un volo dell’Aeronautica militare il 23 agosto scorso. La piccola Sofia, ricoverata nel reparto di terapia intensiva, è deceduta per l’aggravamento delle sue condizioni caratterizzate da insufficienza multiorgano. Lo ha reso noto il comune calabrese di Serra San Bruno, in provincia di Vibo Valentia, in un post di cordoglio sulla sua pagina Facebook, listata a lutto.

«Il dolore per la scomparsa della piccola Sofia ha spezzato il fiato e il cuore di un’intera comunità, non lasciando spazio alle parole. L’Amministrazione comunale e i cittadini tutti esprimono il loro più profondo cordoglio ai familiari della piccola. Riposa in pace dolce Sofia», si legge su Fb.

 

D’Amato: vicinanza alla famiglia

 

«Ho ricevuto la notizia dalla Direzione Sanitaria dell’ospedale Bambino Gesù, con cui siamo stati in costante contatto, dell’avvenuto decesso della piccola bambina calabrese Sofia di 5 anni. Purtroppo, nonostante tutti gli interventi compreso il trasporto in emergenza, la piccola non rispondeva alle terapie. Ai familiari e alla comunità di Serra San Bruno va tutta la mia vicinanza e quella del Servizio sanitario regionale. Quando avvengono eventi così tragici, è per tutti noi un grande dolore». Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.