La sperimentazione di Pfizer e BioNTech del vaccino contro Omicron 5 non è neanche iniziata. E chi è in attesa di quello che dovrebbe essere il vaccino aggiornato contro la sottovariante, dovrà aspettare diverse settimane in più rispetto alle prime previsioni di settembre. Le due aziende infatti hanno annunciato che daranno il via ai test clinici al vaccino adattato contro le varianti BA.4 e BA.5 di Omicron con l’obiettivo di distribuirli non prima di ottobre. Se però anche queste date dovessero essere troppo ottimistiche, a quel punto la temuta risalita dei contagi dopo l’estate lascerebbe gli italiani (ma non solo) scoperti per diverso tempo.

L’azienda tedessca BioNTech oggi ha annunciato i risultati finanziari relativi al secondo trimestre e alla prima metà del 2022 e ha fatto il punto sui programmi che sta portando avanti insieme all’americana Pfizer sul fronte della lotta al Covid-19. Oltre al vaccino bivalente basato sul virus originario e su Omicron BA.1, per il quale è già chiesto il via libera all’Agenzia europea del farmaco Ema, le due aziende intendono avviare questo mese i test clinici anche su un vaccino bivalente mirato a Omicron BA.4 e BA.5. Per entrambi i prodotti «prevediamo di poter iniziare a fornire vaccini adattati a Omicron già in ottobre, previa approvazione normativa», informa BioNTech.