Intossicazione in un villaggio in Salento: la Asl Lecce ha sospeso l’attività di ristorazione all’interno della struttura ricettiva Eurovillage a Torre Lapillo dopo alcuni presunti casi di intossicazione tra gli ospiti. Tra le persone che si sono sentite male – si legge sul Quotidiano di Puglia – c’è anche un bambino che ora è ricoverato in ospedale. Il provvedimento di sospensione scaturisce dopo una prima fase d’indagine da parte del Sian Area Nord (Servizio igiene alimenti e nutrizione) del dipartimento di prevenzione della stessa Asl.

A quanto si apprende, sarebbero una ventina gli ospiti del villaggio che nelle ultime ore hanno accusato problemi gastrointestinali, probabilmente dopo una cena a base di pesce Sono in corso ulteriori approfondimenti anche sulla qualità dell’acqua utilizzata all’interno della struttura turistica. Nel villaggio sono stati inoltre effettuati anche alcuni sopralluoghi specifici con medici e personale del Nas.

Salento, intossicazione in un resort

 

I fatti risalgono a martedì 9 agosto, quando il personale medico del 118 ha raggiunto il villaggio dopo alcune chiamate degli ospiti. I dirigenti medici del Sian hanno raccolto le testimonianze dei villeggianti interessati dalla possibile intossicazione alimentare ma anche – una precauzione da protocollo – anche chi non ha accusato sintomi. Il proprietario del resort ha respinto le accuse suggerendo l’ipotesi dei virus stagionali come origine del malessere dei villeggianti. I fatti sono in via di accertamento e non è quindi ancora possibile sapere con certezza cosa sia avvenuto.