È andato avanti fino alle 5 di questa mattina il lavoro dei vigili del fuoco per spegnere l’incendio di vaste proporzioni divampato ieri sera sull’isola d’Ischia nel comune di Forio. Le fiamme sono divampate nella zona di Panza, sul monte Epomeo, e col passare delle ore sospinte dal vento si sono spinte verso la zona del Ciglio. A fuoco diversi ettari di macchia mediterranea in una zona già in passato teatro di altri incendi estivi. Quello dei vigili del fuoco, coadiuvati da volontari locali, è un lavoro molto complesso vista l’impossibilità di utilizzare i Canadair di notte. Nessuna conseguenza per le persone ma si segnalano danni ad alcune abitazioni ed alcuni vigneti sono stati distrutti dalle fiamme.

Le reazioni

“Il nuovo incendio divampato sul monte Epomeo ha distrutto ettari di macchia mediterranea infliggendo un durissimo colpo all’intera isola d’Ischia. A una decina di giorni di distanza da un altro rogo scoppiato a Panza torniamo a fare i conti con le fiamme che lambiscono le case, creando il panico tra le famiglie residenti, e cancellano un patrimonio naturale inestimabile di un’isola famosa in tutto il mondo proprio per i suoi tesori paesaggistici. Bisogna immediatamente verificarne le cause, la natura dolosa e se ci sono eventuali legami tra i due episodi”.

“Purtroppo la mano dell’uomo a Ischia ha gia’ creato disastri inconcepibili con la distruzione sistematica di preziose aree naturali e paesaggistiche. Occorre fare rete tra tutti coloro che amano questa terra per impedire nuovi episodi simili e difendere l’Isola Verde dall’attacco scriteriato di speculatori e devastatori senza scrupoli”. E’ quanto dice, in una nota, l consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli