Prosegue il lavoro del governo dimissionario per contrastare gli effetti sulla cittadinanza dell’inflazione e del caro energia.  “Dal prossimo settembre sarà possibile per tutti gli utenti del trasporto pubblico richiedere il bonus per la mobilità. Si tratta di un sostegno concreto per studenti, lavoratori, pensionati per tutti quei cittadini che utilizzano il trasporto pubblico, su gomma e su ferro, che proveremo a rendere strutturale anche per il prossimo anno”. Lo ha annunciato il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, nel corso di una conferenza stampa insieme al ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini.

La misura costerà 79 milioni di euro e, afferma Giovannini, “coprirà un milione di abbonamenti”. Chi nel 2021 non ha superato i 35 mila euro di reddito complessivo potrà chiedere il bonus entro il prossimo 31 dicembre accedendo al portale www.bonustrasporti.lavoro.gov.it del ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, tramite Spid o Carta d’identità elettronica. Sarà richiesto di fornire alcune autocertificazioni.

Si potrà utilizzare per comprare abbonamenti annuali o mensili sia al trasporto locale (autobus, metro ecc) sia ai pullman extraurbani sia al trasporto ferroviario regionale e nazionale (ma solo in seconda classe). Potrà coprire fino al 100% della spesa da sostenere, con un limite massimo di 60 euro. Il buono emesso tramite il portale si potrà utilizzare solo con una società di trasporti, entro il mese di emissione, presentandolo in biglietteria.