“Mie dimissioni? Solo in due ipotesi. Se me lo chiede il Presidente della Regione (Vincenzo De Luca ndr) o se lo decido io perché mi stanco o esaurisco o penso possa essere utile per l’azienda”. Parole di Umberto De Gregorio, il presidente dell’Ente Autonomo Volturno, l’azienda regionale che gestisce il trasporto pubblico della Campania. In queste settimane più volte l’Eav è finita sotto i riflettori a causa dei continui disservizi. Soprattutto della Circumvesuviana dove sono chiuse 2 linee e soppressi otto treni. E arriva in una nota stampa la replica di De Gregorio che risponde alle accuse. In particolare a quelle del consigliere regionale Severino Nappi. Facendo capire che andrà avanti fin quando da Palazzo Santa Lucia arriverà l’appoggio del Presidente Vincenzo De Luca.

“In questi 7 anni ho trovato tre fallimenti in uno: finanziario, tecnologico ed organizzativo” spiega il numero uno di Eav che tra i suoi successi rivendica l’aver sanato i bilanci e aver ovviato a ingenti problematiche di carattere pratico. Sul caos circumvesuviana poi spiega: “Tra covid, ferie e rifiuto dello straordinario (per protesta da parte dei macchinisti) siamo entrati in sofferenza per la gestione del servizio e siamo stati costretti a ridurre le corse. Ai problemi dei treni e della infrastruttura si sono quindi aggiunti quelli del personale viaggiante, ma la carenza di macchinisti sta determinando due terzi delle soppressioni”.