Cambiano i parametri Isee per avere accesso al bonus bollette. Una decisione assunta dal Governo nelle scorse ore per ovviare al nuovo rincaro delle bollette che – inevitabilmente – sta mettendo molte famiglie italiane in difficoltà. E così, l’esecutivo ha deciso di rivedere gli importi ed i limiti del modello in modo da consentire a più famiglie di avere accesso al bonus sociale che consiste in una riduzione delle bollette delle utenze domestiche.

Bonus bollette, cosa cambia per l’Isee

I bonus sociali, lo sconto in bolletta per le famiglie in condizioni di disagio economico o fisico, saranno potenziati anche per il terzo trimestre. In modo da sterilizzare l’effetto degli aumenti in arrivo per le fatture di luce e gas. Lo prevede l’ultimo decreto anti-rincari approvato dal Consiglio dei ministri che ha così stanziato altri 116 milioni di euro che vanno ad aggiungersi ai 518 milioni già messi in campo nel corso del 2021 per ridurre gli oneri generali e rafforzare i bonus sociali.

Bonus sociale 2022 Enel: come richiederlo all’Inps
Le novità introdotte quest’anno per il bonus per disagio economico non riguardano i requisiti necessari per ottenere questa agevolazione. Le condizioni previste per avere diritto al bonus per disagio economico, infatti, non sono cambiate.
È necessario appartenere ad: 

  • un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 12mila euro
  • nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro
  • un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Il bonus sociale luce viene erogato sia ai clienti che hanno aderito a un’offerta sul mercato libero dell’energia sia a quelli serviti in maggior tutela. Sarà automaticamente riconosciuto anche in caso di cambio fornitore.
Lo stesso vale per il bonus sociale gas, per accedere al quale tuttavia è necessario essere allacciati alla rete cittadina del gas, perché l’agevolazione non può essere riconosciuta se si utilizza gas metano o GPL in bombola.

Come ottenere il bonus sociale luce e gas per disagio economico dal 2022

Dal 1° gennaio 2021, come previsto dal decreto legge 26 ottobre 2019 numero 124, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, numero 157 chi ha diritto al bonus luce e gas per disagio economico non dovrà più presentare una specifica domanda presso i Comuni o i CAF: sarà sufficiente presentare ogni anno solo la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), tramite ad esempio il Comune, i CAF o il sito INPS, al fine di ottenere l’attestazione ISEE.

La Dichiarazione Sostitutiva Unica presentata per accedere alle prestazioni sociali agevolate (mensa scolastica, assegno di maternità, bonus bebè, ecc.), consentirà anche l’accesso automatico al bonus sociale per disagio economico, qualora ne sussistano le condizioni.

In presenza dei requisiti di reddito, l’INPS invierà i dati del nucleo familiare al Sistema Informativo Integrato (SII*).

Fonte occhionotizie.it