Un grosso spavento, qualche graffio ed alcuni danni per l’auto. Ma un grosso sospiro di sollievo pensando che sarebbe potuto andare peggio. Raffaele Altieri, sindacalista della Ugl Caserta, segretario provinciale, racconta l’esperienza dello scontro con un grosso cinghiale sulla strada statale che porta al comune di Castel Morrone. «Per fortuna – dice Altieri – l’animale non è morto, è scappato via, con calma cercherò di comprendere a quale autorità e in che modo segnalare l’accaduto». La vicenda, a suo giudizio, rende di attualità in Terra di Lavoro un problema che sta caratterizzando anche altre realtà italiane. Sono mesi – evidenzia il sindacalista – che i residenti notano la presenza di questi animali lungo le strade che sono spesso poco illuminate.

«È necessario – conclude Altieri – trovare soluzioni capaci di salvaguardare la vita dei cinghiali e soprattutto quella dei cittadini». «Decoro, sicurezza e salute sono da salvaguardate ad ogni costo – ha commentato il segretario provinciale della Ugl di Caserta – Ferdinando Palumbo – è forse il caso di convocare un tavolo tecnico. Che sia capace di varare una campagna informativa. Intanto, c’è da assicurare una scrupolosa rimozione dei rifiuti alimentari e magari previste reti di contenimento nei tratti a maggior rischio».