Home Attualità Sfregiata con acido dall’ex, la rinascita di Filomena su “Women for Women”

Sfregiata con acido dall’ex, la rinascita di Filomena su “Women for Women”

C’e’ anche la salernitana Filomena Lamberti, vittima di violenze e sfregiata con l’acido solforico dall’ex marito, tra le protagoniste di “Women for Women against Violence – Camomilla Award”. Rassegna condotta da Arianna Ciampoli e Beppe Convertini con la regia di Antonio Centomani, che andra’ in onda alle 17 del prossimo 4 giugno su Rai Due. A darle voce è l’attrice ischitana Lucianna De Falco. La sua storia, insieme con quella di un’altra vittima di violenza, Maria Antonietta Rositani, e’ arrivata all’organizzazione della kermesse, l’Associazione Consorzio Umanitas. Presieduta da Donatella Gimigliano, la quale si e’ subito attivata per aiutarla concretamente con un importante contributo economico.

La storia

Filomena, come molte altre donne vittime di violenze che lasciano cicatrici indelebili nel corpo e nell’anima, con una pensione di 240 euro al mese e nessun risarcimento aveva abbandonato la speranza di curarsi. All’inizio aveva addirittura pensato al suicidio. Ma grazie all’interessamento del Consorzio Umanitas, adesso, sta alleviando le sue sofferenze. Anche grazie a un’innovativa terapia medicale di Biodermogenesi in grado di rigenerare la pelle anche con cicatrici da ustione, chimiche, e da taglio. Ed è in totale assenza di effetti collaterali.

I commenti

“Quasi sempre si parla di chi muore e non ce la fa, “Women for Women” – spiega Donatella Gimigliano – attraverso testimonianze autentiche, parla di vita e da’ voce a chi non smette mai di combattere e vince ogni giorno, e lo fa raccontando anche il difficile percorso di rinascita che tante donne devono affrontare in solitudine, offrendo pero’ un messaggio di speranza e incoraggiamento: dalla violenza, qualsiasi essa sia, si puo’ uscire”. Filomena e’ anche premiata con il Camomilla Award ed èproprio grazie al sostegno, anche concreto, ricevuto che ha potuto riprendere le cure. Insieme con lei premiate anche Maria Grazia Cucinotta, Carolina Crescentini, Antonia Liskova, Valeria Solarino e Luca Tommassini. Il coreografo internazionale, vittima di un padre violento.

Questo sito utilizza i cookie indicati nella privacy policy.
Nel pannello potrai ottenere maggiori informazioni e selezionare le categorie di cookie di cui accetti l’utilizzazione.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
Posting....
Exit mobile version