Questa mattina nell’aula Siani presentato il questionario anticamorra, esiti purtroppo ancora choc. I dati raccolti infatti in 31 scuole di Napoli e provincia e del casertano. Intervistati quindi in totale 10195 studenti. Hanno partecipato 31 istituzioni scolastiche, di cui 7 istituti comprensivi e 24 istituti superiori statali, della città di Napoli (Vomero, Chiaia, Quartieri Spagnoli, piazza Carlo III, e ancora Ponticelli, San Giovanni a Teduccio, Scampia). Oltre che dei comuni della Città metropolitana partenopea (Pomigliano d’Arco, Afragola, Acerra, Sant’Anastasia, Somma Vesuviana, e inoltre Portici, Castellammare di Stabia, Sorrento, Poggiomarino, Sorrento, Gragnano, Casoria, Bacoli, Pozzuoli, Ottaviano) e della provincia di Caserta (Mondragone). Secondo quanto anticipato da Il Mattino i bambini conoscono più il boss defunto Raffaele Cutolo rispetto alla vittime don Giuseppe Diana.

L’obiettivo

L’obiettivo del sondaggio è quello di rilevare, descrivere ed analizzare la conoscenza che gli studenti hanno infatti della criminalità giovanile. Le rappresentazioni e le opinioni che gli studenti associano alla criminalità giovanile. I significati simbolici e valoriali che gli studenti associano alle mafie; le rappresentazioni e le opinioni che gli studenti hanno delle organizzazioni criminali. E la conoscenza che gli studenti hanno dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e del fenomeno mafioso.

Gli interventi

Interverranno il consigliere regionale e membro della commissione Anticamorra, ideatore del progetto, Francesco Emilio Borrelli; Ines Barone, coordinatrice del progetto; l’assessore alla Scuola della Regione Campania Lucia Fortini; l’assessore regionale alla legalità Mario Morcone; Il direttore de Il Mattino Federico Monga ; l’editore di Radio Marte Oreste Cimmino; Il direttore artistico di Radio Marte e conduttore de la Radiazza Gianni Simioli; la vicepresidente della commissione Anticamorra Vittoria Lettieri ; Il capo cronista de Il Mattino Gerardo Ausiello; una rappresentanza del corpo docente e studentesco che ha partecipato al progetto.