Sono ancora molti i bonus in campo per il 2022, tra le agevolazioni per la casa e quelli destinati ad aiutare le famiglie. Ecco quali sono.

BONUS FACCIATE

Il bonus facciate rientra tra i bonus edilizi per i miglioramenti e le riqualificazioni delle case. Con la legge di bilancio 2022 è stato confermato lo schema già in vigore, ma è stata corretta la percentuale dell’agevolazione dal 90% al con 60% delle spese sostenute per effettuare i lavori. Non è previsto un tetto massimo ai costi sostenuti.

BONUS RISTRUTTURAZIONE

Confermato anche il bonus ristrutturazione introdotto dal governo Conte. L’incentivo prevede detrazioni per gli interventi che non rientrano nel superbonus. Il bonus prevede detrazioni del 50% per la ristrutturazione, in caso di lavori effettuati dall’inizio di gennaio 2022 e fino al termine del 2024, entro il limite di 96.000 euro.

SUPERBONUS 110

Nella manovra finanziaria varata dal governo Draghi, il Superbonus 110% è stato prorogato per tutto il 2022 e per ogni tipologia di abitazione. Contrariamente di quanto previsto inizialmente non ci sono limiti Isee per i lavori di ristrutturazione che riguardano le villette unifamiliari. In particolare, il Superbonus spetta: fino al 31 dicembre 2025, nelle seguenti misure 110% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2023 70% per le spese sostenute nel 2024 65% per le spese sostenute nel 2025 per i condomini e le persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arte e professione, per gli interventi su edifici composti da due a 4 unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche.

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef del 50% per le spese sostenute sull’acquisto di mobili destinate ad abitazioni oggetto di ristrutturazione. Nella manovra il tetto massimo alle spesa è sceso a 10.000 € (prima era di 16.000 euro). Quindi l’incentivo è stato rinnovato nella legge di bilancio 2022, seppur con alcune modifiche rispetto al passato. Anche l’acquisto di grandi elettrodomestici per arredare una casa oggetto di ristrutturazione, consente di ottenere l’agevolazione del 50% fino a 10.000 euro. Come spiega l’Agenzia delle entrate i lavori devono essere congiunti all’acquisto di elettrodomestici per fruire del beneficio. Tuttavia esiste un’eccezione, ma solo ad una particolare condizione.

BONUS INFISSI

Fra gli ecobonus rinnovati dal governo, c’è anche quello che permette di sostituire porte e finestre, per ottenere una maggiore efficienza energetica in casa. In pratica si tratta di una detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute per l’intervento, fino ad un massimo di 60.000 euro. Tale agevolazione potrà essere utilizzata in diminuzione delle tasse da pagare oppure tramite sconto in fattura, da parte dell’impresa che svolge l’intervento. Ricordiamo inoltre che per ottenere il credito, i nuovi infissi devono sostituire quelli già esistenti.

BONUS SOCIALE Per contrastare il caro bollette, i nuclei familiari con reddito Isee basso (fino a 8.265 euro o fino a 20.000 € in presenza di 4 o più figli) hanno diritto al bonus sociale nel 2022. Si tratta di uno sconto applicato direttamente sull’ammontare della bolletta di luce e gas. Dal 2021 non è più necessario fare alcuna domanda, quindi si riceve in automatico, ma solo per le famiglie con un Isee aggiornato. La riduzione è applicata anche nei nuclei dove è presente un soggetto in gravi condizioni di salute che necessita di apparecchiature mediche o che percepiscono Rdc.

BONUS AFFITTO GIOVANI

Rappresenta un contributo per il pagamento del canone di locazione, introdotto nella manovra finanziaria 2022. L’incentivo spetta ai giovani di età compresa fra 20 e 31 anni (ancora da compiere) che vanno a vivere da soli. Quindi il beneficio riguarda chi ha un appartamento (o parte di esso) in affitto e lo utilizza come abitazione principale, diversa da quella dei genitori. L’agevolazione è pari al 20% delle spese annue sostenute, fino ad un massimo di 2.000 €. Oltre all’età bisogna avere anche requisiti economici per accedere al bonus. Vedi anche: Bonus affitto 2022 giovani requisiti

BONUS PRIMA CASA UNDER 36

Consiste in agevolazioni per i giovani con meno di 36 anni che acquistano un’abitazione adibita come prima casa entro il 30 giugno 2022. Sono due essenzialmente i benefici previsti: Esenzione del pagamento dell’imposta di registro e catastale. Riconoscimento di un credito d’imposta per un importo pari all’iva versata (per le operazioni di acquisto che la prevedono).

BONUS DOCENTI

Da settembre un nuovo bonus di 500 euro per i docenti. I soldi saranno versati nella carta del docente per acquistare libri, riviste, corsi, biglietti per teatri e cinema, musei, mostre, eventi culturali. I soldi non spesi precedentemente, quindi nell’anno 2021, si perdono, ovvero si riparte da zero. Vedi anche: Bonus docenti 2022 cosa si può comprare Bonus figli e famiglia 2022 Dal primo gennaio 2022, le famiglie con figli di età fino a 21 anni, potranno richiedere all’Inps l’assegno unico introdotto dal governo. L’importo di questo assegno dipende dall’Isee familiare, in particolare ammonta a: 175 euro mensili a figlio, per Isee fino a 15.000 € di importo variabile da 175 a 51 € per Isee da 15.001 a 40.000 € 50 euro mensili oltre i 40.000 €. Sono previste inoltre maggiorazioni in base al numero di figli e alla condizione lavorativa dei genitori, che possono aumentare anche in modo significativo l’importo assegnato. L’erogazione inizierà a marzo 2022. L’incentivo assorbe e sostituisce il bonus bebè, il bonus mamma domani e gli assegni familiari.

BONUS NIDO

Il bonus nido permette alle famiglie con redditi bassi di coprire parte delle spese sostenute per il pagamento della retta mensile, anche nel 2022. Questo incentivo, contrariamente a quanto si pensava inizialmente non rientra nel nuovo assegno unico per i figli. Lo ha chiarito l’Inps sul suo sito internet. Quindi verrà ancora erogato durante quest’anno, agli aventi diritto. Importi e modalità di presentazione della domanda per questo incentivo, saranno comunicate con apposita circolare.

BONUS CULTURA

È l’incentivo da 500 euro che spetta agli studenti di 18 anni (nati nel 2003), rinnovato e reso strutturale nella legge di bilancio 2022. Consiste in voucher attivabile dal 17 marzo 2022, tramite registrazione sulla piattaforma online 18App, per chi possiede i requisiti previsti. Il buono spesa può essere utilizzato per acquistare libri, partecipare ad eventi culturali e molto altro. E’ nominativo e si può usare nei negozi fisici aderenti e anche su Amazon, fino ad esaurimento importo o alla scadenza.

BONUS STUDENTI

Con l’approvazione definitiva del Family Act nei prossimi mesi arriveranno con appositi decreti, ulteriori incentivi per famiglie con figli studenti. Questo favorirà l’acquisto di libri e di altro materiale didattico per i nuclei familiari con redditi bassi. Intanto però attualmente sono già previste diverse agevolazioni regionali, come i voucher per l’acquisto di libri di testo, pc e altro. Non mancano inoltre borse di studio per alunni meritevoli e incentivi per il pagamento degli affitti, in particolare per gli universitari.

BONUS PSICOLOGO

Consiste in un contributo fino a 600 euro, approvato con un emendamento al decreto milleproroghe, per sostenere le spese per andare dallo psicologo nel 2022. In pratica è un aiuto per curare i disagi certificati da un medico, causati dalle conseguenze della pandemia. Spetta a tutti gli italiani senza limiti di età, se in possesso di un Isee fino a 50.000 euro. L’importo del contributo sarà crescente al decrescere del reddito. Mentre le modalità di richiesta saranno stabilite da apposito decreto del Ministero della salute.

BONUS MATRIMONIO

Per il settore wedding, a livello nazionale sono previsti dei sostegni che riguardano le imprese che organizzano matrimoni e hanno registrato perdite. Mentre per gli sposi attualmente esistono solo bonus regionali. Ad esempio il bonus matrimonio Lazio prevede un contributo fino a 2.000 euro per aiutare le coppie residenti nella regione a sostenere le spese delle nozze. Il contributo può essere richiesto online e riguarda chi si sposa entro il 31 dicembre 2022.

BONUS PATENTE

Con il DL Infrastrutture, il governo Draghi ha introdotto un contributo del 50% (fino a 1.000 euro) sulle spese sostenute per prendere la patente. I destinatari della misura sono: i giovani fino a 35 anni i percettori del reddito di cittadinanza o della disoccupazione. L’incentivo è riconosciuto fino al 30 giugno 2022. Per ottenerlo il richiedente deve dimostrare di voler lavorare nel settore del trasporto auto, ovvero presentare un contratto di lavoro da conducente della durata di almeno 6 mesi.