fbpx
Home Covid Dad in Campania, il Consiglio di Stato ribalta tutto: De Luca aveva...

Dad in Campania, il Consiglio di Stato ribalta tutto: De Luca aveva ragione

Coi contagi da Covid in crescita esponenziale, nel dicembre 2020 la Regione Campania aveva chiuso le scuole e disposto le lezioni a distanza. Ma i genitori si erano opposti, impugnando davanti al Tar le ordinanze firmate dal presidente Vincenzo De Luca. Il Consiglio di Stato ha riformato la sentenza del tribunale amministrativo regionale campano. Nel novembre 2021 aveva dato ragione ai genitori che volevano i loro figli a scuola in presenza. In base a quella pronuncia molte famiglie si erano dichiarate anche pronte a chiedere risarcimenti alla Regione. Ma il ricorso al grado superiore di giudizio ha avuto un esito positivo per De Luca. Riconoscendo così al presidente di non aver compromesso il diritto allo studio.

“Era prevista una modalita’ alternativa”, scrivono i giudici della Terza Sezione del Consiglio di Stato, “che meglio si conciliasse con la gravissima crisi pandemica mondiale in una ottica di equilibrata ponderazione di contrapposti interessi, a salvaguardia del primario valore della salute dell’intera popolazione regionale”. I giudici contestualizzano i provvedimenti, riferendosi a un periodo in cui anche la conoscenza del fenomeno pandemico era “scarsa”. “Nel decidere la momentanea chiusura delle scuole e la didattica a distanza – si legge nella sentenza – il presidente della Regione Campania ha considerato non solo la gravita’ della epidemia in atto, ma anche l’intero contesto, e quindi l’utilizzo dei mezzi di trasporto, l’affollamento per le vie dei ragazzi che si recano a scuola, la situazione dei locali, degli edifici scolastici, se consentivano o meno il distanziamento”. Sono quindi recepiti i rischi “non conosciuti, ne’ prevedibili” alla base dei provvedimenti adottati.

Questo sito utilizza i cookie indicati nella privacy policy.
Nel pannello potrai ottenere maggiori informazioni e selezionare le categorie di cookie di cui accetti l’utilizzazione.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy