I prelievi bancomat anomali rispetto alla situazione contributiva del soggetto sono un campanello d’allarme pronto a scattare e a far partire pericolosi controlli. Proprio in quest’ottica l’Agenzia delle Entrate ha chiesto all’autorità antitrust un potere inedito e senza precedenti. Per fare questo l’unico modo è quello di esaminare minuziosamente i conti correnti.

I soldi sul proprio conto corrente possono aumentare o diminuire. Lettura consigliata. Come e perché aprire un conto corrente cointestato a firma congiunta o disgiunta valutando tutti i pro e i contro. Una vera rivoluzione quella voluta dal Governo Draghi sui pagamenti degli italiani. Limiti a casa ed in tasca. Se un italiano viene sorpreso con troppo denaro a casa o in tasca dovrà spiegare analiticamente le ragioni di questa scelta. Leggi anche: Bancomat, brutta sorpresa allo sportello: cosa può accadervi. Si tratterebbe, in tal senso, di reddito sommerso, nascosto alle istituzioni Versamenti, la cifra che fa scattare i controlli.

Il mancato gettito dei quali sono responsabili coloro che compiono evasione al Fisco equivale a diversi miliardi di euro. I controlli al Bancomat ed agli sportelli atm sono frutto delle possibilità di illeciti che i soldi in contanti possono comportare. Se i movimenti bancomat appaiono notevolmente diversi rispetto a ciò che viene dichiarato nella dichiarazione dei redditi ecco che potrebbero partire pesanti accertamenti La stangata sul bancomat. I commercianti che da giugno dovessero rifiutarsi pretendendo per forza il contante subirebbero una pesante multa.

Si, perchè è proprio con il contante che si realizzano l’evasione fiscale ed il riciclaggio di danaro sporco. Secondo step della lotta al contante deciso dal Governo è la riduzione della soglia per i pagamenti in contanti.