Una forte scossa di terremoto registrata alle 23.07 nei pressi di Ljubinje, nella regione meridionale della Bosnia-Erzegovina. Secondo le stime di Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) la magnitudo è di 6.0. L’epicentro è localizzato a 10 chilometri di profondità. Nella città di Mostar, 42 chilometri dall’epicentro, la gente è scesa in strada e molte aree sono rimaste senza elettricità. Non si hanno notizie di danni a persone o cose.

La scossa è stata avvertita in gran parte dell’Italia, soprattutto sulla costa Adriatica. Segnalazioni dal Veneto alla Puglia, fino a Roma e tutto il Sud. Grande spavento in numerose località italiane, come testimoniano le tantissime segnalazioni sui social. Su Twitter i Vigili del Fuoco rassicurano: «Giunte alle sale operative dei #vigilidelfuoco numerose richieste di informazioni. Al momento nessuna segnalazione di danni».

Momenti di paura anche a Napoli, dove la scossa di terremoto è stata distintamente avvertita dalla popolazione. Forte preoccupazione anche nella zona flegrea, che da oltre un anno è alle prese con uno sciame sismico legato al bradisismo: la popolazione di Pozzuoli e dei comuni vicini ha preso d’assalto i siti web dell’Ingv e dell’Osservatorio vesuviano. In Campania per ora non si segnalano danni a cose o persone. Diverse le segnalazioni anche dai Paesi Vesuviani.