Presidio davanti allo stabilimento Stellantis di Pomigliano d’Arco, da parte di otto lavoratori di una ditta di servizi di Napoli. Si occupano delle pulizie nello stabilimento Pcma di via De Roberto. I lavoratori sono preoccupati per il proprio futuro occupazionale. Entro giugno, sottolineano, lo stabilimento Pcma sarà dismesso ed i circa 270 operai di Pcma saranno assorbiti da Stellantis al G.B. Vico di Pomigliano. «Per noi invece non c’è futuro – hanno spiegato – ai tavoli ci hanno offerto una buonuscita mai quantificata, e si prospetta il licenziamento. Ma siamo troppo giovani per la pensione, e troppo anziani per sperare in una nuova occupazione».

I lavoratori, che hanno esposto alcune bandiere dei sindacati di categoria sullo stradone che porta allo stabilimento di Pomigliano, chiedono un incontro con l’azienda, Prefetto e Regione, per poter trovare una soluzione adeguata. «Vorremmo una garanzia – hanno concluso – magari anche essere assorbiti da un’eventuale società acquirente dello stabilimento di via De Roberto per continuare a portare a casa il pane ai nostri figli». Insieme ai lavoratori in sciopero, c’è anche Mario Di Costanzo, responsabile Cgil di Pomigliano, il quale ha sottolineato che «è assurdo che la quarta industria automobilistica a livello mondiale come Stellantis, non trovi una soluzione per otto lavoratori».