Nella mattinata del 20 aprile scorso gli Ispettori Comunali Ambientali di Palma Campania, con l’ ausilio degli uomini della Municipale, hanno messo a segno un altro bel colpo alla criminalità ambientale identificando i responsabili di alcuni sversamenti perpetrati a danno delle campagne palmesi.

I fatti

Alcune strade della citta’ Vesuviana, come Via Vecchia Sarno,Via Gorga , Via Cupa Miano, Via Carcarelle, via Aiello  sono state tutte  interessate da molteplici sversamenti negli ultimi 60 giorni: identificati i proprietari da cui la provenienza dei materiali, quest’ultimi obbligati in solido hanno dovuto ripulite i terreni dai loro scarti.

Per far sì che i terreni fossero ripuliti gli stessi, hanno dovuto servirsi, a loro spese, di ditte specializzate nella rimozione e smaltimento di rifiuti tessili .

Durante  questo periodo  gli ispettori sono stati sulle tracce partite da una segnalazione di un uomo in una Punto Grigia, intercettato successivamente nell’ultima attività di riassetto del territorio fino al giorno prima che venisse finalmente identificato.

Mercoledi mattina gli ispettori si trovavano, in una delle strade maggiormente interessate da sversamenti, in compagnia di un titolare di azienda e gli uomini della Ditta di smaltimento di scarti tessili per effettuare le opere di pulizia del luogo.

Un mercoledì dopo Pasqua all’insegna delle sorprese sia per gli Ispettori che per l’ uomo reo di diverse operazioni di smaltimento illegale

Ciò è stato possibile grazie ad uno dei titolari di azienda che trovatosi sul posto per la rimozione dei rifiuti,  precedentemente riconosciuti come provenienti dalla sua attività, ha ricevuto una telefonata proprio dall’ uomo che si occupava del recupero e, a suo dire, smaltimento dei materiali .
Nella telefonata l’uomo avvisava che sarebbe arrivato dopo una decina di minuti in azienda, a Palma Campania per il ritiro.
Di lì la sorpresa : oltre agli scarti ha trovato gli ispettori ambientali ad aspettarlo e successivamente gli agenti della municipale che lo hanno condotto al Comando  per l’ identificazione e gli adempimenti di rito .
Sono scattate per quest’ultimo una lunga serie di denuncie a vario titolo, essendo emerse ipotesi di reato, ed il divieto di entrare nel territorio palmese.

L’uomo inoltre è lo stesso di cui gli Ispettori erano sulle tracce da alcuni giorni : la famosa Punto di colore grigio da cui l’uomo con la complicita’ di  una donna si erano resi protagonisti di un video in cui erano intenti ad espletare il loro ” sporco lavoro” di abbandono di rifiuti .

Un plauso al lavoro instancabile delle GAV.

Meritano un elogio sicuramente gli ispettori e tutti i volontari Ambientali Comunali che da anni hanno intensificato, portando ad ottimi risultati, le attività di controllo restituendo dignità, decoro e soprattutto a tutela della salute la cittadinanza .

Un lavoro non semplice, basta passare qualche ora in loro compagnia, per rendersi davvero conto di quanto sia difficile poter monitorare un territorio soprattutto nelle zone periferiche che fanno da sempre gola agli ecocriminali:  basti solo pensare che le reazioni, talvolta, di coloro colti in flagranza non sono poi così calorose oppure la loro costante presenza specie nel periodo estivo su luoghi interessati da incendi o ancora essere in prima linea anche nel centro citta’ dove non si è esenti da scempi ambientali a vario titolo. Un aiuto concreto, costante e visibile.