Family Act 2022: novità, bonus e aiuti per famiglie in arrivo grazie all’approvazione in Senato del disegno di legge. Ha l’obiettivo di introdurre nuove misure e potenziare quelle già esistenti a favore della genitorialità. Conciliare la vita lavorativa e familiare (con particolare attenzione al lavoro femminile) e contrastare la denatalità.

Dopo la prima rivoluzione dei bonus famiglia avvenuta con l’introduzione dell’assegno unico e universale, il cosiddetto Family Act, presentato dal Ministro per le pari opportunità e la famiglia e dal Ministro del lavoro, di concerto con il Ministro dell’economia, porta ulteriori novità per sostenere i genitori nella formazione ed educazione dei figli, ma anche nella vita lavorativa.

Particolare attenzione è data al lavoro femminile e all’equa condivisione dei carichi di cura. Oggi, infatti, lo squilibrio è ancora tangibile ed è fondamentale mettere a disposizione degli strumenti che facilitino il rientro delle donne nel mondo del lavoro. In particolare dopo il periodo di maternità. Il Family Act conferma sia l’assegno unico per i figli a carico, sia il bonus nido. Ma, soprattutto, dispone nuovi bonus a sostegno dei genitori e agevolazioni anche per le giovani coppie.

Aiuti per famiglie

Il Family Act diventa finalmente legge e introduce nuove importanti novità per le famiglie italiane. Già protagoniste di una rivoluzione cominciata proprio a gennaio 2022. Si parla dell’introduzione dell’assegno unico e universale, anticipato già a luglio dello scorso anno dall’assegno temporaneo. I cui pagamenti sono partiti nel mese di marzo. Le famiglie, però, hanno già potuto farne richiesta a gennaio.

Salute

Con il Family Act, il governo si impegna a garantire, in tutta Italia, l’istituzione, ma anche il rafforzamento, dei servizi socio-educativi per l’infanzia e per l’adolescenza, offrendo sostegni alle famiglie per il pagamento delle rette scolastiche, sia per la scuola, ma anche per le attività sportive o altri corsi, per esempio, di lingua o teatro.

In particolare, con prossimi emendamenti, il governo si impegna a garantire ulteriori misure di sostegno per le spese per figli disabili o con patologie fisiche o psichiche, con disturbi dell’apprendimento, disturbi alimentari.

Ulteriori bonus e aiuti per famiglie arriveranno non solo per l’acquisto di libri, diversi da quelli di testo, ma anche per altro materiale didattico, compresi beni informatici e agevolazioni e sconti su biglietti per l’ingresso a teatro, per i musei o per altri eventi culturali, compatibili con altre misure già in vigore, per esempio il bonus cultura.

Altri contributi, poi, potranno essere riconosciuti per sostenere le spese di frequentazione di corsi, in ambito sportivo, artistico (arte, teatro, musica), così come per corsi di lingua straniera.

I congedi parentali

Come detto, il Family Act non ha solo lo scopo di introdurre nuovi bonus e aiuti per le famiglie, ma anche per riorganizzare e migliorare alcune disposizioni già in vigore.