Con l’85% delle merci che viaggia su strada lo sciopero dei Tir con i blocchi stradali rischia di generare danni incalcolabili. E’ l’allarme lanciato da Coldiretti in riferimento alla protesta degli autotrasportatori. Dai prodotti deperibili come frutta, verdura, funghi e fiori fermi nei magazzini che marciscono, al rischio concreto di scaffali vuoti anche per la mancanza di forniture all’industria alimentare costretta a fermare gli impianti di lavorazione. Preoccupa anche l’impatto sulle esportazioni.

a protesta contro il caro carburanti corre sui Tir, anzi si blocca ai bordi delle strade. Divampa in tutta Italia la preoccupazione degli addetti alla logistica. Il bollettino delle proteste e manifestazioni in corso si allunga ora dopo ora e coinvolge l’intera penisola, da Sud a Nord, lungo quella direttrice che quotidianamente vede impegnati i trasporti con furgoni, camion, tir.

Il ministro dell’Economia Franco ha detto che il governo è pronto a rivedere il Pnrr in base all’impatto dell’aumento dei costi dell’energia sulla crescita. Oggi è prevista una informativa del ministro della Transizione ecologica Cingolani in aula alla Camera.