I carabinieri della sezione Radiomobile di Giugliano (Napoli) sono intervenuti a casa di un uomo di origini romene. Aveva appiccato un incendio nella mansarda in cui viveva in affitto per poi salire sul tetto minacciando di lanciarsi nel vuoto. I militari sono intervenuti e, dopo aver forzato il cancello di ingresso insieme ai vigili del fuoco, sono riusciti a raggiungere il tetto dello stabile. Hanno parlato con l’uomo per convincerlo a scendere e poi, approfittando di una sua distrazione, sono riusciti a bloccarlo. Le fiamme sono domate dai vigili del fuoco. I militari hanno appurato che il gesto dell’uomo è riconducibile ad un contenzioso con la proprietà dell’immobile dove abitava. E’ stato denunciato in stato di libertà per danneggiamento seguito da incendio.

E’ invece morto carbonizzato l’uomo trovato questa notte dai vigili del fuoco, intervenuti per spegnere l’incendio divampato all’interno di uno stabile in stato di abbandono, in via Caracciolo a Bari. Probabilmente si tratta di un clochard, che aveva trovato in quel luogo riparo dal freddo. Sul corpo dell’uomo sara’ eseguita nei prossimi giorni l’autopsia nell’istituto di Medicina Legale del Policlinico di Bari. L’incendio potrebbe essere divampato per cause accidentali, ma saranno le indagini della polizia a chiarire la dinamica della vicenda.