Ritrovata senza vita l’imprenditrice Maria Chiara Gavioli, nella sua villa a Mogliano Veneto, in provincia di Treviso. La donna, 47 anni, come confermano fonti investigative, è morta probabilmente a causa di un malore. È la colf a ritrovare il corpo la donna senza vita, in bagno accanto alla vasca da bagno. Sul pavimento ritrovate alcune confezioni di farmaci. Gli operatori del Suem 118, giunti sul posto, hanno potuto solo constatare il decesso di Gavioli. Sul posto anche una pattuglia dei carabinieri della locale stazione e il medico legale. Gavioli, secondo quanto riferito, era malata da tempo. Molto nota nei salotti noti della Marca e del Veneziano, in passato l’imprenditrice era stata legata a Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus. Abitò anche a Napoli nel breve periodo in cui l’allora centrocampista militò con gli azzurri.

Gavioli era stata coinvolta, con l’accusa di bancarotta per distrazione, nel crac della Enerambiente, gestita dal fratello Stefano che si occupò della raccolta e del trasporto dei rifiuti a Napoli tra il 2010 e il 2011. Era finita anche in prigione, ma i sui legali presentarono ricorso al tribunale del Riesame, ottenendo la scarcerazione. Nel giugno del 2021, era però stata formulata la richiesta di rinvio a giudizio da parte della procura di Venezia nei confronti dell’imprenditrice e di altre 20 persone, tra cui il fratello.