Il giudice per le indagini preliminari Fernanda Iannone ha convalidato ieri sera il fermo di Adalgisa Gamba. La donna di 40 anni accusata dell’omicidio del figlio di due anni e mezzo avvenuto a Torre del Greco (Napoli) domenica sera. Il corpo senza vita del piccolo è recuperato nella acque antistanti località La Scala da alcuni ragazzi. Sono attirati dalle urla provenienti da una scogliera. Per la donna, ritenuta responsabile di omicidio volontario in base anche alle prime ammissioni. Le ha rese lunedì durante un primo interrogatorio nella caserma dei carabinieri, dopo hanno disposto il trasferimento in carcere. «Francesco è inciampato mentre correva sulla spiaggia ed è andato a testa in giù in mare. Io l’ho preso in braccio e l’ho stretto a me». Si dice «in confusione totale». Così scrive Il Mattino di oggi.

Adalgisa ha ribadito di avere «il terrore che Francesco fosse autistico, lui era un bimbo strano». Un fatto, questo, che secondo gli inquirenti dimostrerebbe come Adalgisa non abbia mai accettato quel bambino.