Home Cronaca Strangola la moglie a mani nude, altro femminicidio al Sud

Strangola la moglie a mani nude, altro femminicidio al Sud

Un uomo di 49 anni fermato dai carabinieri a Motta Santa Lucia, in provincia di Catanzaro, con l’accusa di avere strangolato la moglie al culmine di una lite. Secondo quanto si apprende, la coppia, di origine marocchina, si trovava nella camera da letto quando, dopo l’ennesima lite, l’uomo avrebbe aggredita la donna per poi strangolarla. Ad avvertire i militari il datore di lavoro dell’uomo, al quale il presunto assassino avrebbe confessato l’omicidio. L’uomo, accusato di omicidio volontario aggravato portato in caserma. Mentre a casa della coppia eseguiti i rilievi tecnico-scientifici da parte del Reparto operativo di Catanzaro. L’indagine è in mano alla procura di Lamezia Terme e delegata dai carabinieri.

Un triste fenomeno quello dei femminicidi che ha contraddistinto l’anno appena concluso. Nel 2021, infatti, le donne vittime di femminicidio sono 118 (erano 110 del 2019), delle quali 70 uccise dal partner o dall’ex compagno (nel 2019 erano 67). Secondo i dati del Dipartimento della Pubblica Sicurezza. Una tale emergenza che ha spinto tutte le ministre del Governo Draghi a coalizzarsi e a far approvare un ddl in Consiglio dei ministri. Si mette in campo una serie di misure per proteggere le vittime. Si va dal fermo immediato di stalker e violenti in caso di imminente pericolo per la donna e all’aumento delle pene per chi e’ gia’ stato ammonito per violenza domestica.

Posting....
Exit mobile version