Home Attualità Economia Rimborsi dei pedaggi autostradali, adesso è possibile: ecco come e perché richiederlo

Rimborsi dei pedaggi autostradali, adesso è possibile: ecco come e perché richiederlo

Basterà scaricare un’app per richiedere il rimborso autostrada per ritardi e code causati da cantieri stradali o incidenti. In seguito alla multa ricevuta dall’Antitrust, Autostrade per l’Italia ha sviluppato un’app gratuita scaricabile sia da dispositivi iOS che Android. Permetterà di ottenere il cashback del pedaggio autostradale. Per aderire non è necessario avere il Telepass ma è sufficiente scaricare gratuitamente l’app Free To X tramite gli store dei propri dispositivi mobili, sia Apple che Android e registrarsi con i propri dati. Il rimborso è automatico ed è commisurato agli effettivi tempi di percorrenza.

L’app Free To X è progettata da Autostrade per l’Italia ed è attiva in maniera sperimentale fino al 31 dicembre 2021. I rimborsi vengono accumulati in una sorta di portafoglio elettronico dell’app e cominceranno a essere erogati a partire da gennaio 2022.

Chi ne ha diritto

Possono partecipare all’operazione di rimborso privati, partite Iva e aziende che utilizzano mezzi di pagamento elettronici, contanti o dispositivi di telepedaggio. Al momento non è ancora previsto il servizio per consorzi e loro iscritti.

Per chiedere il rimborso è necessario aver effettuato un viaggio sulla rete gestita da Autostrade per l’Italia e aver subito ritardi e rallentamenti a causa di cantieri di lavoro. Il rimborso può essere riconosciuto anche per brevi viaggi e per ritardi a partire da 15 minuti.

Inoltre, bisogna essere in possesso di una ricevuta di pagamento o avere un abbonamento a un servizio di telepedaggio ed essere in regola con i pagamenti. Chi ha pagato tramite carta ViaCard di conto corrente deve essere in possesso della ricevuta di pagamento al casello d’uscita e fare richiesta sull’app nella sezione Carte e Contanti.

Posting....
Exit mobile version