Home Attualità Plastica monouso addio da domani: tutti i prodotti vietati

Plastica monouso addio da domani: tutti i prodotti vietati

Da domani 14 gennaio entra ufficialmente in vigore la legge che vieta l’uso della plastica monouso, non biodegradabile e non compostabile. Parte così ufficialmente la rivoluzione Green dettata dall’Europa. Addio, dunque, a piatti e posate usa e getta di plastica. Mentre resteranno in commercio quelli composti al 100% da plastica biodegradabile e quelli in plastica lavabile. Semaforo rosso anche contenitori per bevande in plastica monouso, tappi, coperchi, cannucce e borse di plastica. Chiaramente tutto fino ad esaurimento scorte. Nel senso che chi li ha acquistati come bar o tavole calde potrà usarli ancora. Slitta, invece, al 2023 la plastic tax italiana, – imposta sui manufatti di plastica che avrebbe dovuto disincentivare l’utilizzo di questo materiale da parte delle aziende – già slittata in precedenza in scia all’emergenza pandemia e alla conseguente necessità di non aumentare il pressing economico sulle aziende.

L’Italia e l’Ue

Anche l’Italia, come gli altri Paesi dell’Unione europea, dà così attuazione alla direttiva antiplastica Sup, ovvero Single use plastic, il cui obiettivo è quello di mettere un freno all’inquinamento dovuto alla usa e getta. Stiamo dunque per dire addio a diversi prodotti che, secondo le stime, ad oggi costituiscono circa il 50% di tutti i rifiuti dispersi sulle spiagge europee.  Ma quali sono esattamente gli articoli che non potranno essere più venduti? E quali sono le multe per i trasgressori?

L’elenco dei prodotti banditi comprende piatti, posate, bicchieri in plastica, ma anche cotton fioc e i bastoncini dei palloncini. Sarà inoltre vietata la vendita di contenitori e altri articoli realizzati in polistirene espanso e di alcuni attrezza da pesca contenenti plastica. Il divieto non si applica invece  ai prodotti biodegradabili e compostabili con percentuali di materia prima rinnovabile uguali o superiori al 40% e, dal 1° gennaio 2024, superiori almeno al 60%, come indicato dall’art. 5 del decreto legislativo 196/2021 che attua la direttiva Ue 2019/904.

Questo sito utilizza i cookie indicati nella privacy policy.
Nel pannello potrai ottenere maggiori informazioni e selezionare le categorie di cookie di cui accetti l’utilizzazione.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy
Posting....
Exit mobile version