Home Articoli in Evidenza Monsignor Toppi verso la beatificazione, gioia a Pompei e Brusciano

Monsignor Toppi verso la beatificazione, gioia a Pompei e Brusciano

È diventato venerabile a meno di 15 anni dalla sua scomparsa, monsignor Francesco Saverio Toppi (1925-2001). Vescovo dal 1990 al 2001 della Basilica di Pompei, si avvicina sempre più alla beatificazione. La causa di beatificazione e canonizzazione di monsignor Toppi avviata il 2 aprile del 2014 e conclusa il 13 ottobre 2016. Il venerabile vescovo nacque a Brusciano (Napoli) il 26 giugno 1925 con il nome di battesimo Vincenzo. All’età di 15 anni, il 2 ottobre 1940, divenne novizio cappuccino con il nome di fra’ Francesco Saverio. Fu ordinato sacerdote il 29 giugno 1948.

Nel luglio 1959, appena trentaquattrenne, padre Francesco Saverio lo elessero Ministro Provinciale dei Cappuccini di Napoli. Ruolo che rivestì ancora per ben due volte, nel ’62 e nel ’65. Nel suo ministero di guida dei frati si affidò totalmente allo Spirito Santo. Da autentico figlio di San Francesco d’Assisi, il suo programma per la Provincia religiosa era incentrato sul primato della vita interiore attraverso la preghiera, la mortificazione e l’osservanza della Regola.

Nell’agosto 1983 fu nominato Superiore della comunità cappuccina e Maestro dei chierici a Nola. Nominato, da Giovanni Paolo II, Arcivescovo Prelato di Pompei e Delegato Pontificio del Santuario fondato dal Beato Bartolo Longo, ha avuto al centro della sua vita l’amore per la Madonna.

Gli incontri

Monsignor Toppi ebbe numerosi incontri con persone di profonda interiorità e santità di vita, che ne influenzarono il cammino spirituale. In particolare fu significativo il suo incontro con San Pio da Pietrelcina e con la Serva di Dio Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari.

Di innumerevoli anime fu direttore spirituale. Spiccano tra esse Silvestra Tirri, laica, docente, totalmente immersa nel Mistero della Trinità, e la Serva di Dio Nina Lanza, anche lei di Brusciano, terziaria francescana. «Un annuncio di gioia per la Chiesa di Pompei e per i devoti della Madonna del Rosario», ha commentato l’attuale Arcivescovo Prelato della Basilica Pontificia di Pompei, Monsignor Tommaso Caputo.

Posting....
Exit mobile version