Aveva 85 anni il dottore Ettore Volpe (nella foto), storico primario e fondatore del reparto di ematologia al Moscati. Era ricoverato dal 13 gennaio in terapia subintensiva poi l’improvviso aggravarsi e il 21 gennaio il trasferimento in terapia intensiva. “Sono addolorato, era un luminare del suo settore – spiega il già manager dell’Azienda Ospedaliera Moscati, Giuseppe Rosato -. Con lui la medicina irpina ha ottenuto preziosi risultati come la realizzazione del reparto di ematologia al Moscati. Oltre alla realizzazione di un centro di trapianti di midollo. E’ un brutto giorno per tutta l’Irpinia. Era un grande professionista, ma anche un uomo di grande umanità e sensibilità. Con il suo lavoro è riuscito a realizzare un centro di riferimento, evitando a tanti malati di emigrare altrove per curarsi. Ettore era un mio amico, è stato un faro dell’azienda ospedaliera».

«E’ arrivato al Moscati dopo una lunga esperienza all’ospedale San Gennaro di Napoli. Ettore era anche un grande primario che ha fatto crescere al suo fianco tanti professionisti. Ha creato e diretto L’Ail. Lo ricorderò sempre al lavoro, di giorno e di notte, nel suo reparto che guidava da grande manager nello storico quarto piano della vecchia sede del Moscati di viale Italia”.