Gli agenti del Commissariato Torre Annunziata hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare. Ad emettere il provvedimento il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Napoli. A richiedere la misura cautelare della Procura distrettuale di Napoli. Destinatario del provvedimento C. F. C, un 49enne di Torre Annunziata. Secondo quanto riporta una nota della Procura di Napoli, a carico dell’indagato vi sarebbero gravi indizi di colpevolezza per tentata estorsione. L’uomo avrebbe tentato una estorsione aggravata dal metodo mafioso – in più occasioni – nel corso del 2020. Avrebbe infatti avvicinato un imprenditore della zona a cui avrebbe chiesto il pagamento di una somma di denaro a nome del clan Gionta. Sodalizio criminale attivo nel comprensorio oplontino.

In pratica, i poliziotti hanno riscontrato le richieste di pizzo avanzate dall’uomo nei confronti dell’imprenditore, al quale aveva riportato una “imbasciata” da parte dei Gionta. Il 49enne finì già arrestato il 20 novembre del 2020 dai carabinieri della sezione radiomobile di Torre Annunziata per detenzione di droga a fini di spaccio. Oltre che per resistenza a pubblico ufficiale.