Per fronteggiare l’emergenza la direzione dell’azienda ospedaliera San Pio di Benevento ha deciso di aprire un reparto di terapia intensiva neonatale covid dedicata. Qui è dove attualmente sono ricoverati due neonati nati da madri positive. I neonati sono monitorati costantemente con personale addetto. Pronto soccorso al limite del collasso con posti letto Covid esauriti; personale medico e paramedico sotto organico in grande difficoltà. Pazienti in attesa dei risultati del tampone molecolare che nel frattempo hanno bisogno del ricovero. Le strutture ospedaliere irpine, a partire dall’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, sono messe a dura prova dalla variante Omicron. La provincia di Avellino è quella maggiormente colpita dalla quarta ondata della pandemia. L’Irpinia e’ infatti nella top ten del tasso di incidenza dei contagi in Campania. I primi nove comuni sono infatti collocati in provincia di Avellino (il decimo e’ Maiori, in provincia di Salerno, ndr).

L’ospedale “Frangipane” di Ariano Irpino ha riconvertito il reparto di Medicina generale in posti letto Covid mentre la quasi totalita’ dei posti letto del “Moscati” di Avellino sono occupati da pazienti contagiati: 25 su 28 in degenza, 3 su 6 posti letto in terapia intensiva. Il numero dei nuovi contagi ha sfiorato ieri quota 600 e il numero appare destinato ad aumentare. Anche per questo si prova ad accelerare sulle vaccinazioni nei 22 centri dislocati sul territorio provinciale mentre, per il secondo giorno consecutivo, sono proseguite le vaccinazioni drive trough presso la caserma “Berardi” di Avellino destinate a soggetti non deambulanti.