La nuova ondata di pandemia da Covid 19 fa ripiombare la città nel dolore delle perdite. Al San Leonardo di Castellammare di Stabia sono morti marito e moglie anziani, a distanza di pochi giorni l’uno dall’altra. Prima l’uomo e poi la moglie. La coppia di anziani era ricoverata nell’ala Covid del pronto soccorso di Castellammare. Tre le vittime in una solo notte nel nosocomio stabiese, a causa del virus. E tornano i pazienti sulle barelle. Occupati i sette posti letto, negli ultimi giorni il reparto di urgenza ospita il doppio dei malati. Una situazione di emergenza aggravata dai contagi tra infermieri e medici. Una decina gli operatori sanitari a casa in isolamento, positivi con la terza dose non possono lavorare. Né essere sostituiti per la carenza di personale.

Problemi simili in ogni reparto della struttura sanitaria in una città che ha superato i mille contagi e viaggia con una media di quasi trecento positivi in più al giorno. Mancano i posti letto per i pazienti Covid anche negli altri ospedali dell’Asl e le ambulanze rispondono alle chiamate solo dei casi più urgenti.