Home Attualità Economia Bonus Casalinghe, arriva finalmente il bando

Bonus Casalinghe, arriva finalmente il bando

Bonus casalinghe, il 15 dicembre scorso, il Ministero delle Pari Opportunità ha pubblicato un avviso, per comunicare le modalità e i requisiti del Bonus casalinghe. A dispetto del nome, l’agevolazione è riservata a donne e uomini che svolgono attività domestica ed è ideata per aumentare l’inclusione sociale di questi soggetti. Il Bonus casalinghe è un finanziamento rivolto agli enti di formazione e alle associazioni, così da poter erogare corsi di formazione gratuiti, destinati a chi svolge attività domestica. Il fondo era istituito dal Decreto Agosto 2020, con lo stanziamento di 3 milioni di euro, per incrementare le opportunità lavorative dei soggetti che svolgono attività finalizzate alla cura dell’ambiente domestico e delle persone, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito.

L’agevolazione è introdotta per investire in “occasioni di qualificazione e di empowerment”, come annunciato dal Ministro per le Pari Opportunità, Elena Bonetti. Il bonus è pensato per rafforzare le competenze di chi non lavora, promuovendo l’accesso ad opportunità lavorative e culturali.

La maggior parte dei corsi, che saranno finanziati, saranno inerenti al settore digitale. I corsi comprenderanno diversi tipi di attività formative, ma che saranno funzionali all’inserimento lavorativo e alla valorizzazione delle attività di cura.

Tra le tematiche su cui si focalizzeranno i corsi, troviamo:

  • Acquisizione di conoscenze, come cercare informazioni sui motori di ricerca e riconoscere le fake news;
  • Archiviare dati sulle piattaforme Cloud;
  • Creare contenuti digitali e imparare le regole basilari del copyright;
  • Imparare ad utilizzare gli strumenti di comunicazione digitale, come chat, mail e social network;
  • Implementare conoscenze sulla sicurezza e la protezione dei dispositivi, dei propri dati e della privacy;
  • Conoscere i servizi online per il cittadino, come lo SPID, ma anche i pagamenti digitali e le piattaforme pubbliche, come l’INPS.

I corsi dovranno svolgersi nell’arco di 12 mesi e dovranno essere esclusivamente in modalità telematica.

La domanda

Per ottenere i fondi, gli enti, sia pubblici che privati, potranno presentare le domande entro le ore 12.00 del 31 marzo 2022.
In seguito, i soggetti beneficiari dei corsi potranno presentare la richiesta successivamente, direttamente presso gli enti, per poter partecipare ai corsi organizzati, in maniera totalmente gratuita.

È importante ricordare che, per poter accedere al Bonus, è necessario essere iscritti all’Assicurazione obbligatoria per il lavoro svolto in ambito domestico ed essere in regola col pagamento della polizza assicurativa INAIL contro gli infortuni domestici.

Posting....
Exit mobile version