Armi, munizioni e una bomba nascoste in Via Iannucci a Frattamaggiore. A scoprire l’arsenale i carabinieri che hanno ritrovato il tutto in una busta, in un terreno dove erano depositati serbatoi per il gas. Dagli accertamenti, una pistola è risultata rubata nel ’98 nel comune di Taurianova, e anche un’altra semiautomatica è risultata rubata negli anni 90, a Piombino. Una terza pistola, marca Glock, ha invece la matricola abrasa. Sequestrati 6 caricatori pieni e 198 cartucce di vario calibro. E una bomba a mano M52 fabbricata decenni fa nella ex Jugoslavia. L’ordigno è fatto brillare da militari artificieri del Comando provinciale di Napoli. Le armi saranno sottoposte a ulteriori accertamenti balistici e dattiloscopici per verificare se siano utilizzate per fatti di sangue intimidazione.

A Napoli, invece, i carabinieri della stazione di Secondigliano hanno arrestato per furto aggravato due persone, Ferdinando Aruta e Emilia Libero, di 44 e 36 anni. Sono entrambi del quartiere napoletano di Miano e già noti alle forze dell’ordine. Sorpresi in uno dei locali di un centro commerciale in piazza Madonna dell’Arco, attualmente in ristrutturazione. Utilizzando una sega elettrica stavano rimuovendo delle lastre di rame da alcune vasche di raffreddamento della birra. Finiti in manette sono stati sottoposti ai domiciliari, in attesa di giudizio.