Migliaia di dolciumi in vendita per la Befana sequestrati nel Casertano dai carabinieri del Gruppo Forestale di Caserta. Blitz Unitamente agli ispettori dell’Ispettorato Centrale Qualita’ e Repressione Frodi Icqrf-Italia Meridionale. In particolare i controlli dei militari hanno riguardato due punti vendita siti nell’agro aversano. Accertata la commercializzazione di 2400 dolciumi di tipologia mista e mini snack risultati sprovvisti, in tutto o in parte, delle informazioni obbligatorie al consumatore. In un altro esercizio commerciale invece accertata la commercializzazione di circa 100 chili di cioccolatini, risultati anonimi e mancanti di qualsivoglia indicazione di etichettatura. Compreso il lotto di produzione o altro elemento utile a metterli in correlazione con la documentazione di rintracciabilita’.

Nella Provincia di Napoli, inoltre, militari della Guardia di Finanza della Compagnia di Casalnuovo hanno sequestrato una partita di circa 5.100 generi alimentari. Tra cioccolate e caramelle di varie marche e tipologie per omissione delle indicazioni obbligatorie inerenti l’etichettatura dei prodotti dolciari.

Avrebbero inondato per l’Epifania i negozi e le bancarelle dei mercati: 320 chili di dolciumi destinati alle calze per i bambini in attesa della Befana, tutti sequestrati. E’ accaduto nel comune di Casandrino, in provincia di Napoli, un’azienda dolciaria. I carabinieri forestali hanno denunciato il titolare per violazioni alla normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e per gravi inadempienze igienico-sanitarie. Degli oltre 3 quintali di dolci conservati in condizioni igieniche pessime, coperti anche da polvere, 100 chili erano di zucchero carbone e 30 di cioccolato. I locali sono stati sequestrati e, oltre alla denuncia penale, il titolare sarà sanzionato per oltre 3mila euro.