Si indaga per la morte prematura del giovane salernitano Pierpaolo Barbato, figlio dell’ex presidente della Salerno Sistemi. Il giovane di 28 anni è spirato poco prima della mezzanotte in una stanza dell’albergo che gestiva insieme al fratello. La mattina dello stesso giorno si era recato al pronto soccorso dell’ospedale Ruggi. Aveva avvertito un particolare malessere, ma lo avevano dimesso poco dopo. Vogliono vederci chiaro, adesso, i familiari che hanno sporto denuncia per la morte di Pierpaolo: si attende l’autopsia per accertare le cause del decesso. Dolore e sgomento anche sui social per la scomparsa del 28enne, benvoluto e conosciuto da molti. Struggente, su Facebook, in particolare, il messaggio della sua Federica.

La famiglia

La salma del giovane è rimasta, vegliata da amici e familiari, in una stanza dell’albergo che gestiva fino alle 18.00 di ieri sera quando la polizia giudiziaria si è recata presso la struttura e ha operato il sequestro determinato dalla denuncia presentata dalla famiglia del giovane. Pierpaolo è stato trasportato presso la sala mortuaria dell’ospedale San Leonardo dove rimarrà fino al giorno dell’autopsia che, presumibilmente, stando alle prime informazioni che filtrano da ambienti vicini alla famiglia, non potrebbe essere effettuata prima del prossimo 27 dicembre a causa della concomitanza delle festività natalizie.