Due persone arrestate (una in carcere, l’altra ai domiciliari) e due obblighi di dimora. E’ quanto stabilito da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il Tribunale di Lagonegro (Potenza), eseguita dai Carabinieri. I quattro sono accusati di aver realizzato “un vero e proprio ‘supermarket’ della droga” in un appartamento nel centro di Lagonegro. I Carabinieri hanno sequestrato 600 grammi fra marijuana, hascisc e cocaina e hanno “smascherato una rete di spaccio condotta in concorso” dagli indagati. Gli arrestati sono un uomo di 47 anni (che si trova in carcere) e una donna di 43 (ai domiciliari). Obbligo di dimora per un uomo di 50 anni di Nola (Napoli) e per un giovane di 19 anni di Lagonegro, sottoposto anche all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Il supermarket della droga “in pianta stabile” – gestito “con scaltrezza” dagli indagati – era raggiunto “periodicamente” da chi voleva acquistare sostanze stupefacenti. Gli acquirenti restavano “solo pochi minuti” nell’androne del palazzo, ricevendo la droga e allontanandosi subito dopo.