Termosifoni distrutti, ingressi divelti, prese di corrente staccate. Uno scenario terribile al bocciodromo di Striano nella notte devastato dai vandali. La rabbia del sindaco Antonio Del Giudice: “Noi ce la mettiamo tutta per rendere il Nostro Amato Paese, più bello, accogliente, vivibile… e poi ci sono queste “grandissime persone” che ci sfasciano tutto, rendendo vani tutti i sacrifici fatti. Invito ognuno di voi a denunciare se avete visto qualcosa, fate della Cosa Pubblica, casa vostra, abbiate cura del Pubblico perché lo costruiamo con i nostri soldi. Una cosa è certa che questi vandali non la passeranno liscia. (Questa la palazzina nel bocciodromo – parco verde) – Striano non è questa, e se chi ha commesso questi gesti dovesse essere di Striano, ebbene sì, io ho vergogna di averli come Cittadini… cambiare residenza perché vi renderò la vita un’inferno. Parola d’onore”.

Ancora vandali, dunque, nei Paesi Vesuviano e ancora un attacco ai beni pubblici. Stavolta è toccato a Striano ad un bocciodromo ancora piuttosto nuovo e dove i lavori erano finiti di recente.