Escalation di rapine in questi giorni nel territorio torrese-stabiese. La morte del commerciante di Boscoreale, Antonio Morione, ucciso a 41 anni durante un tentativo dei banditi di portargli via l’incasso di una giornata di lavoro, non è l’unico episodio. C’è una recrudescenza della criminalità locale. Lunedì scorso, la titolare di un noto caseificio di Madonna delle Grazie, a Gragnano, è finita rapinata in pieno giorno. I fatti poco dopo le ore 9 del mattino, tra la folla che circola in questi giorni per le strade cittadine. I banditi, con il volto coperto da una semplice mascherina anti-Covid, hanno frantumato il vetro dell’automobile guidata dalla donna e hanno afferrato la borsa che aveva sul sedile. All’interno c’era l’incasso che la vittima della rapina stava andando a depositare. La donna, incaricata di effettuare il deposito in banca, è finita altre volte presa di mira dai rapinatori. Ma questa volta si tratta di rapina, perché non ha tenuto in nessun conto il luogo dove è avvenuta l’aggressione.

Il raid in una strada fortemente trafficata. Inoltre, ha impressionato la cittadinanza l’aggressività con cui i rapinatori hanno agito. Frantumando il vetro dell’auto dal lato del guidatore, indifferenti anche al rischio di mettere in pericolo di vita la vittima.