Notte di Natale ‘particolare’ a Boscoreale (Napoli) dove cittadini hanno deposto fiori e lumini promuovendo anche una piccola ‘veglia’ all’esterno della pescheria di Antonio Morione, 41 anni. Si tratta del commerciante ucciso nella serata di giovedi’ scorso per aver reagito ad una rapina. Per qualche ora alcune decine di persone hanno sostato davanti all’esercizio commerciale; tra loro studenti, ma anche anziani, che hanno ricordato il pescivendolo ammazzato.

I carabinieri continuano a setacciare e presidiare il territorio del Vesuviano alla ricerca dei rapinatori, sparando contro il commerciante a una sua reazione e uccidendolo. Le indagini hanno gia’ portato a trovare l’auto usata dai malviventi per la fuga. Acquisite le immagini dei sistemi di viedeosorveglianza degli altri esercizi commerciali di via della Rocca II, teatro della tragica rapina. “Mio figlio era un commerciante onesto che la legge ha abbandonato a se stesso”, lo sfogo al giornale radio Rai, nelle ore scorse, di Ernesta, madre della vittima. “Mezz’ora prima del fatto l’altro mio figlio, Giovanni, aveva subìto una rapina – ha ricordato – lo hanno rapinato anche l’anno scorso, sempre nel mese di dicembre”. I rapinatori hanno agito a volto coperto, e quindi le testimonianze dei presenti non hanno portato a identikit.