«Gli imprenditori dell’industria dolciaria dovrebbero buttare giù la maschera e smettere di chiamare artigianali anche quei panettoni che sono preparati mesi prima e contengono conservanti. In questo modo si confonde il consumatore, soprattutto durante il periodo natalizio». È la dichiarazione di Carmine Carotenuto, patron del Royal Luxury di Somma Vesuviana, una delle pasticcerie più antiche e conosciute della zona vesuviana. Secondo Carotenuto, «troppo spesso leggiamo la scritta “artigianale” su panettoni che sono preparati mesi prima in laboratori industriali. Peraltro questi prodotti hanno anche costi esorbitanti. Io sfido tutti a fare come faccio io: mettere la data di produzione su ogni prodotto. È l’unico modo per smascherare gli inganni».

Proprio l’area vesuviana durante le ultime gare ha ricevuto risultati incoraggianti per la qualità dei panettoni. Ai consumatori vesuviano basta quindi fare un po’ di attenzione per trovare prodotti di qualità ed artigianali.