«Alla ripresa della stagione miglioreremo laddove è necessario. Restiamo uniti». Questo è il senso del breve discorso del presidente della Palmese, Mario Rega, alla squadra nell’ultimo allenamento prenatalizio, tenutosi giovedì 23 dicembre allo stadio comunale di Striano. La Palmese attualmente è prima in classifica nel girone A del campionato d’eccellenza. Dunque, un primato netto e con una gara in meno, ma la società vuole tenere alta l’attenzione e fare ancora di più. La squadra vesuviana, guidata da Mario Pietropinto, sta dominando la sua competizione a suon di numeri, che meritano di essere snocciolati: 9 vittorie su 13 partite disputate (in realtà le partite svolte dovrebbero essere 14, ma domenica scorsa la partita contro l’ AC Ottaviano è stata annullata, a causa di un fooalaio covid presente tra i giocatori di mister Iervolino), 30 punti in classifica, una sola sconfitta, 26 gol segnati, 2 media gol partita,  23,6 età media dei calciatori, 0 espulsioni (a simboleggiare anche un certo grado di fairplay da parte dei suoi tesserati). Ma dove vuole arrivare la squadra?

Il barometro emotivo comunica grandi aspettative, si pensa ovviamente alla D e perché no in futuro anche alla lega Pro. Cosa fattibile perché negli anni 2000, fu proprio la coppia Rega-Pietropinto a far entrare la Palmese nel calcio che conta (quello professionistico).  Ci riusciranno anche questa volta? Possibile, data la determinazione che traspare dai loro occhi. Tuttavia il quadro calcistico è cambiato molto rispetto a vent’anni fa. Un aspetto da non sottovalutare.

Il mercato

Per arrivare a questi obiettivi, servirà negli anni una campagna di rafforzamento degna delle categorie di militanza. Il presidente Rega ha comunicato perfettamente il suo messaggio e cioè che già da questa sessione di mercato, dunque a gennaio, farà degli importanti investimenti per rafforzare l’attacco. Su difesa e centrocampo ha fatto intendere che non ci sarà alcun innesto a meno di sorprese. Nel frattempo la squadra, nel week-end post epifania affronterà i Lions Mons Militum (squadra di Montemiletto, Avellino), 7° in classifica con 23 punti. In bocca lupo ragazzi.