Dalla risonanza magnetica prescritta dai ginecologi dell’ospedale “Pascale” di Napoli è emerso che la donna, straniera ma residente a Castellammare di Stabia, di 69 anni, aveva un tumore ovarico di 9 chili. Le era cresciuto nell’addome e successivamente rimosso. A eseguire l’intervento è stata l’equipe di Gennaro Casella e di Felice Scala della ginecologia del “Pascale” di Napoli, diretta da Stefano Greggi. Un ovaio regolare misura in media 2 centimetri e mezzo di diametro. Quello tolto alla paziente ucraina ne misurava 40 di centimetri. E per rimuoverlo l’equipe della sala operatoria ha lavorato per quasi due ore, con un taglio che dal pube è arrivato fin su allo sterno della donna.

Casella e Scala hanno dovuto effettuare tre tagli. Dalla risonanza non si percepiva, infatti, quanto estesa fosse la massa tumorale. Impossibile stabilire da quanto tempo quell’uovo di 9 chili premesse sull’addome della paziente. Anche se da una prima diagnosi sembra che la malattia non abbia compromesso altri organi. I medici stanno aspettando l’esito dell’esame istologico per stabilire se la donna dovrà sottoporsi a chemioterapia. Per ora sta a casa e sta bene.

«Non è sicuramente l’intervento più complesso che la nostra equipe ha effettuato, ma di sicuro non abbiamo mai visto un tumore tanto esteso. Quando si è presentata da noi, la donna, benché molto obesa e in età avanzata, sembrava incinta. Tuttavia, abbiamo avuto contezza della vastità del tumore solo quando l’abbiamo operata. Confidiamo in una sua rapida ripresa e il fatto che il tumore fosse circoscritto ci fa ben sperare sull’esito della terapia a cui dovrà sottoporsi» dicono i chirurghi Casella e Scala.